• 0781 23692
  • asproni.iscola@upz.it

Piazza Municipio

Cattedrale – Palazzo Vescovile – Palazzo Civico

Coordinate: lat. 39,313064 long. 8,532570

Cattedrale – La cattedrale dedicata a Santa Chiara è stata eretta tra il 1284 e il 1288 sotto gli auspici del Conte Ugolino di Donoratico; essa è l’unica Cattedrale della Cristianità dedicata alla Santa di Assisi, e testimonia la transizione dalle linee romaniche originarie a quelle gotiche con caratteristiche tipicamente isolane dovute alla successiva dominazione spagnola.

La chiesa fu cattedrale dal 1503, quando la sede della diocesi venne trasferita da Tratalias a Iglesias, al 1513, anno di soppressione della cattedra sulcitana. Nella seconda metà del XVI secolo il tempio venne radicalmente rinnovato in stile gotico catalano. Nel 1736 invece riacquistò definitivamente il titolo di cattedrale.

La facciata a capanna, risalente al XIII secolo, è divisa in due ordini da una cornice. Nella zona inferiore si apre il portale romanico architravato e sormontato da un arco a tutto sesto. Il livello superiore, in stile gotico, presenta al centro un rosone, affiancato da due arcate ogivali e sormontato da una teoria di archetti trilobati che seguono l’andamento degli spioventi. A destra si innalza il campanile, che ospita una campana risalente al 1338.

Dopo i restauri cinquecenteschi, essa si presenta con una pianta a croce latina, navata unica, due cappelle per lato, transetto e abside quadrangolare. La navata singola è coperta da elaborate volte a crociera nervate risalenti al periodo 1576-1588. La facciata è affiancata da un campanile a canna quadrata in cui è collocata una campana del 1327. Risale al 1907 invece il collegamento esterno con il Palazzo Vescovile. Tra gli arredi si segnalano l’altare ligneo dorato di sant’Antioco, opera in stile barocco, a cui è contrapposto un altare in marmi policromi; nel vicino all’ingresso, si trova un seicentesco angelo marmoreo che regge l’acquasantiera.

 

Raised in 1284-1288 during the signoria of Count Ugolino of Donoratico – whose coat of arms stands out in the inscription beside the entrance – this is the only Cathedral of Christianity ever dedicated to Saint Clare. Representing an evidence of the change from Romanesque to Gothic style in Sardinia, its façade is sided by a coeval bell tower of squared plan, guarding four bronze bells; the oldest (1327) is by A. Pisano. Inside, transverse pointed arches divide the single nave into four bays; all of them (including the last one, above the presbytery area) are covered by cross vaults built in 1576-1588, enriched by fine works reflecting local st taste in the Spanish age. The 1 keystone is sculpted nd with a Crucifix; the gem of the 2 bay contains a scene from the martyrdom of St. Antioco (Patron of rd the diocese). In the 3 key is a figure in the round of a praying St. Antioco. The presbytery vault carries a figure of Christ the Judge and gems with Saints Clare, Sebastiano, Antioco and John the Evangelist.To the right of the entrance is an angel in white marble, carrying a holy-water font, th sculpted in 17 C. in late-Mannerist style. Between st nd the 1 and 2 bay, a gravestone on the floor indicates the burial of a cleric from Iglesias, Emanuele Marongiu, bishop of Nuoro until 1852.

Fonte: Comune di Iglesias


Palazzo vescovile – Il municipio, dalla fisionomia neoclassica, fu edificato alla fine del secolo XIX sul luogo in cui precedentemente insisteva una modesta Casa del Comune di epoca tardo-medievale che ospitava anche il Monte Granatico. Con il crescere delle necessità burocratiche il consiglio comunale deliberò negli anni 1870/1871 la costruzione di un nuovo palazzo Comunale che sostituisse quello più antico ritenuto insufficiente. Il progetto dell’edificio fu affidato all’ing. Antonio Cao Pinna mentre i lavori furono materialmente eseguiti dall’impresa di Antonio Sulcis. Questo episodio architettonico coincise con uno dei momenti di massima crescita della città, sostenuta dall’incremento dell’attività mineraria.

Fonte: Monumenti Aperti

 


Il Municipio – Il palazzo civico risale al 1874 e contiene molti elementi neoclassici e grandi tele raffiguranti personaggi di Casa Savoia.

 

The town hall dates back to 1874 and contains many neoclassical elements and large paintings depicting characters of the House of Savoy .